La felicità ed il benessere, probabilmente, sono temi di discussione che, mai come in questo momento storico che l’umanità sta affrontando, ricevono continue attenzioni da parte di esperti, e non. Concetti spesso confusi con il piacere e la soddisfazione, vengono diffusi attraverso i media e le campagne pubblicitarie di qualsiasi bene di consumo, il più delle volte associati a bellezza, successo, fama, continua produzione e potere e, quindi, collegati ad aspetti puramente estetici o comunque esterni a noi, che non fanno altro che favorire un immaginario sociale comune tanto ingannevole quanto limitante. I modelli mentali quali “Vince il più forte”, “Prima il dovere poi il piacere”, non sono più adatti e, probabilmente, non lo sono mai stati

.felicità

Non esiste una definizione unica di felicità, ma resta certo questa scaturisca dall’interno. Interessante la concezione di felicità e di benessere esposta da Matthieu Ricard, monaco con dottorato in Genetica cellulare, il quale la considera “condizione esistenziale, uno stato di profondo equilibrio emotivo che, a sua volta, è  il risultato della comprensione approfondita del funzionamento della mente”. Imparare a conoscere i meccanismi del nostro cervello è, dunque, una condizione necessaria ed indispensabile per predisporsi ad essere felici. E sapete da quali campi derivano le ultime ricerche neuroscientifiche in tale ambito? Dalla Neurocardiologia e dalla Neurogastroenterologia. Proprio così! Tutti noi, nessuno escluso, abbiamo due cervelli in più di quello che già comunemente siamo abituati a pensare di avere, che si collocano l’uno nel cuore e l’altro nell’intestino. La bellezza di questa scoperta risiede soprattutto nell’interconnessione tra questi tre cervelli che, a quanto pare, “parlano la stessa lingua”. E pare non si tratti di scoperte da poco, perché dalla conoscenza di noi stessi deriva anche la nostra rappresentazione del mondo e delle forme di organizzazione che creiamo, come ben dimostrato nel libro “La scienza delle organizzazioni positive”, di Veruscka Gennari e Daniela Di Ciaccio, la prima, ospite del prossimo incontro a Palazzo Innovazione, in programma mercoledì 17, dalle 14:30, in live streaming sui canali social.

 

felicità

Secondo le autrici, la scoperta dei tre cervelli cambia completamente la concezione di benessere e di felicità, oltre all’angolazione dalla quale siamo abituati ad osservare e studiare le organizzazioni. Se per anni abbiamo pensato di avere un solo cervello ben protetto nella testa, non dovremmo meravigliarci della tipica organizzazione piramidale fondata su forme gerarchiche e autoritarie che si riscontra nelle aziende moderne. Oggi, difatti, studiosi, psicologi e professionisti sono consapevoli dell’impatto che la propria vita lavorativa può avere sul funzionamento generale e della sua importanza per realizzare una vita soddisfacente. Lo spazio di ricerca in cui vengono esplorati questi potenziali è comunemente noto come Psicologia Organizzativa Positiva e i professionisti che operano in questo campo mirano a creare e sostenere ambienti di lavoro che supportano il potenziale umano, la serenità ed il benessere individuale e collettivo. L’obiettivo di tutti dovrebbe mirare a dare vita a organizzazioni e contesti lavorativi orizzontali, ispirati da un’intelligenza emotiva e da un benessere comune ed esteso, nei quali tutti i lavoratori esercitano un controllo consapevole e responsabile al servizio dell’intero sistema. Integrando continuamente e regolarmente risorse quali la resilienza, l’altruismo, la fiducia nel prossimo, che risiedono in ognuno di noi, saremmo in grado di svolgere il nostro lavoro in modo efficace ed efficiente, e godere di un sano senso di benessere con noi stessi e con i nostri colleghi, senza correre il rischio di imbattersi in problematiche quali il burnout, i continui scontri tra collaboratori ed altri stati negativi. Posto che trascorriamo un terzo della nostra vita al lavoro, si può e si deve pensare alla Psicologia Organizzativa Positiva come al campo di studio che cerca di rendere quel terzo del nostro tempo degno di essere vissuto ed apprezzato: un percorso arduo, ma che può essere reso possibile grazie all’introduzione di nuovi professionisti specializzati e qualificati, come il Chief Happiness Officer, il cui obiettivo è proprio quello di garantire che, in ogni contesto lavorativo, la cultura e la scienza della felicità e della positività diventino una priorità strategica, per il benessere e la sostenibilità tanto delle persone quanto dell’azienda.